LE ENERGETICHE ITALIOTE

 

Gian Luigi Lombardi-Cerri

 

 

Mi è venuto allora in mente: Siediti lungo la riva del fiume e aspetta, prima o poi vedrai passare il cadavere del tuo nemico. Proverbio cinese. Mi sono seduto e ho aspettato ! Vi ricordate che circa cinque anni fa il sottoscritto ha redatto un articolo sull’Indipendenza in cui si criticava pesantemente il FV basato sul Silicio ? I punti che evidenziavo erano i seguenti :
1.-Un impianto da tre kw costava installato circa 20.000 euro
2.-L’energia prodotto veniva pagata dallo Stato (cioè da noi) 0.45 euro/kwh .
Caratteristiche per le quali anche con un ammortamento ventennale l’impianto non si sarebbe mai pagato ! Naturalmente senza un intervento economico a fondo perduto dello Stato, ossia da tutti noi. Perchè oltretutto quella scelta tecnologia era al capolinea. Si è sollevato un vespaio .

 

Sono stato accusato di non conoscere la materia, di non saper fare i conti ,di essere un rimbecillito conservatore e via discorrendo con insulti a man salva. Mi è stato detto che questa filiera produceva oltretutto posti di lavoro (120.000) Produceva anche tecnologia Riduceva sensibilmente l’inquinamento Che con il continuo crescere del petrolio sarebbe diventato convenientissimo, anche perché si sarebbero ridotti drasticamente i costi di produzione dei pannelli e lo sviluppo della tecnologia avrebbe aumentato il rendimento. Ho aspettato pazientemente . Eccoci ora al traguardo.
1,-L’Italia non ha potuto sopportare ulteriormente il costo generale del kwh, talché lo Stato è stato obbligato a ridurre il prezzo del kwh (sino a 22-24 euro, per ora ) e ha detto che sarà costretto ad eliminare questo favore ormai assolutamente insostenibile
2.- Il prezzo del petrolio è drasticamente calato (contro ogni previsione dei fotovoltaisti)
3.-La Padania è rimasta l’area geografica più inquinata dell’Europa
4.-Il prezzo dei pannelli è sceso a 6000 euro per un impianto da 3 kw
5.-I posti di lavoro si sono ridotti a meno di 30.000
6.-Lo Stato deve far finta che il kwh costi 0.18 euro , mentre il prezzo di mercato oggi è di circa 0.07 ( più tasse, trasporto e ammennicoli vari)
7.-Lo Stato deve ancora sostenere il malato inguaribile rimborsando anche, in esenzione fiscale, il 50% del prezzo pagato. E, fuochi artificiali finali, i pannellisti piangono temendo di dover chiudere bottega.

 

Che cosa succede invece, non in Italia , ma nel resto del mondo ?
1 .-La nuova tecnologia fotovoltaica che avanza promette di poter disporre , in tempi accettabili, di pannelli sensibili all’infrarosso e quindi operanti anche di notte.
2.-Una nuova tecnologia si sta affacciando per lo Storage dell’energia con batterie a basso costo e ad altissimo rendimento (così potremo avere a prezzi abbordabili l’auto dei sogni: l’auto elettrica)
3.- Si sta operando per captare l’energia solare non direttamente sulla terra , ma su satelliti posti in orbita inviando tramite radioonde l’energia sulla terra, con rendimenti di tutto rispetto.

 

CONCLUSIONE : Questo Stato di…….. si è arrogato e si arroga il diritto di gestire tutto dai preservativi ai missili, mentre è in verità incapace di gestire positivamente perfino le parti banali di se stesso. Con grande lungimiranza si è messo a finanziare non la ricerca , ma le applicazioni. Finanzia tutto nel campo energetico, finanzia il teatro , finanzia il cinema e quant’altro e con questa disastrosa politica gestionale finanzia in realtà speculatori e mafia. E poi ci si domanda da dove è piovuto il deficit nazionale . Elementare: è da una gestione folle e stupida ! E chi paga ? Semplice : i cittadini. E questo su tutto ciò che viene gestito dal pubblico. In un piccolo Comune montano (Ponte di Legno in provincia Brescia) un Sindaco di stile e cultura renziana si è avventurato a costruire un parcheggio sotterraneo multipiano , proprio dove anche i bambini sapevano che era presente una enorme quantità di acqua . Passati 9 anni, il parcheggio è ancora in costruzione, con guai a non finire a causa anche dell’acqua e di qualche piccola frana. L’unica cosa certa è il costo che, ad oggi, ammonta a soli 20 ML di euro (per ora) .

 

Facendo un conto elementare, ossia dividendo i 20 ML per 2000 (numero degli abitanti) viene fuori che ogni abitante dovrà trovarsi un conto di 10.000 euro da pagare. Evviva lo Stato e i suoi gestori ! RISULTATO : con tutte queste gestioni azzeccatissime non ho visto passare davanti a me il cadavere del mio nemico Stato (magari !), ma tanti , proprio tanti conti da pagare.

 

Gian Luigi Lombardi-Cerri

 

Lascia un Commento

VOCI DEL NORD ospiterà gratuitamente suggerimenti e scritti d'interesse generale inviati dai visitatori, i quali ne assumeranno l'esclusiva responsabilità ad ogni effetto di legge.

La Redazione

Categorie
Count per Day
  • 102484Totale visitatori:
  • 2Oggi:
  • 42Ieri:
  • 229La scorsa settimana:
  • 782Visitatori per mese: