GESTIONE

 

G.L LOMBARDI-CERRI

 

Sarebbe bene che politici burocrati e pure i cosiddetti maitre a penser, capissero ( ma forse non ne hanno la struttura mentale ) e tenessero conto di molte delle regole fondamentali che permettono all’industria manifatturiera di guadagnare e di dare loro, ossia ai politici ,ai burocrati e, soprattutto, ai cosiddetti maitre a penser, di che mangiare e di che vivere. Una di queste regole da studiare e capire è quella relativa al “decentramento gestionale”: Che significa questo termine ? Semplicemente : mentre le linee operative generali sono decise da un “centro” ( e spesso solo quelle finanziarie ) le linee attuative ( e le relative modalità) sono decise da unità sempre più piccole.

 

Questo perfino nel campo informatico dove le reti di piccoli calcolatori ( addirittura di personal computer) sostituiscono sempre di più i megacalcolatori. Nel settore politico burocratico relativo alla gestione di questo sciammannato paese chiamato Italia, succede il fenomeno contrario e si porta sempre di più verso un centro (ROMA) ogni tipo di decisione e di gestione. Quasi che i romani fossero degli ottimi specialisti in organizzazione , nonché stakanovisti del lavoro. Come mai succede tutto questo. A prescindere dalla diffusa ignoranza ( non solo gestionale) di chi oggi pretende di gestire, siamo in presenza di un crescente razzismo istituzionale che fa sì che burocrati, politici e maitre a penser siano , per almeno il 70%, di origine meridionale, origine che , almeno sino ad ora , non ha prodotto una “Silicon Valley”, ma ben cinque Valley denominate Mafia Valley, Sacra Corona Unita Valley, Camorra Valley e N’drangheta Valley e , ultima , ma non per questo di minore importanza, la “Tengo famiglia Valley” Queste condizioni hanno prodotto non solo il disastro attuale (salvo che per le prime quattro Valley che invece prosperano).

 

Mentre la quinta Valley permette di “tirare a campa” Arroganza che si manifesta clamorosamente in ogni situazione. C’è freno a tutto ciò ? Basta consultare la storia dei popoli per vedere che la risposta è : SI. Un paio di esempi. Francia fine del settecento. I sovrani e la loro nutrita corte sempre più esosi nel tassare, hanno superato il limite della sopportazione ed ecco sorgere, come per incanto, le ghigliottine che hanno fatto non solo piazza pulita di tutto il ciarpame, ma hanno dato luogo ad un’era di progresso. Austria-Ungheria , inizi novecento. Pur essendo gli Asburgo ottimi gestori ( e se ne trovano ancora benefici effetti in Lombardia, nel Veneto ed in Trentino ) hanno esagerato con il rigore nei confronti dei popoli di lingua non tedesca. Il successo li ha accecati ed hanno finito per far entrare i popoli a loro sottomessi in una guerra disastrosa , non sentita dai suddetti popoli. Risultato: guerra persa e perfetta pulizia di tutti i gestori.

 

E l’Italia ? L’Italia ai difetti dei due paesi citati ne aggiunge altri, tanto per abbondare nella misura. Aggiunge l’incapacità di comportarsi da paese civile, aggiunge un malcelato razzismo del sud nei confronti del nord, aggiunge un’arroganza come se il sud fosse il centro della scienza e della cultura in genere, essendo , spesso , perfino incapace di parlare e scrivere correttamente la lingua italiana. Nei confronti dell’ AUSTRIA-UNGHERIA aggiunge, evidentemente con caratteristiche negative, una burocrazia incapace e spesso corrotta. Che cosa c’è da aspettarsi ? Evidentemente una rivoluzione. Non si sa fatta da chi, non si sa come , ma sicuramente entro breve tempo poiché il giochetto di aumentare continuamente le tasse non può durare all’infinito anche perché , per risolvere la situazione, ci vuole ben altro che un primo ministro specializzato in gavettoni.

 

G.L LOMBARDI-CERRI

 

Lascia un Commento

VOCI DEL NORD ospiterà gratuitamente suggerimenti e scritti d'interesse generale inviati dai visitatori, i quali ne assumeranno l'esclusiva responsabilità ad ogni effetto di legge.

La Redazione

Categorie
Count per Day
  • 102440Totale visitatori:
  • 28Oggi:
  • 31Ieri:
  • 263La scorsa settimana:
  • 738Visitatori per mese: