L’Africa e l’Italia

CARI LETTORI, IN CONSIDERAZIONE DEI TRAGICI AVVENIMENTI ACCADUTI SUL “MARE NOSTRUM” E L’IMMANE DIASPORA PROVENIENTE DA TUTTA L’AFRICA, RITENIAMO OPPORTUNO RIPROPORRE AI LETTORI UN NOSTRO VECCHIO, MA NON SUPERATO, ARTICOLO – datato 15 gennaio 2013 – E INTITOLATO: “ L’AFRICA E L’ITALIA “.
IL VOSTRO COMMENTO E’ SEMPRE DESIDERATO E BEN ACCETTO.” (Buona lettura) F.Caravita.

 

Sottoponiamo all’attenzione dei nostri lettori alcuni dati riguardanti l’Africa (rilevati da Internet) i quali pur essendo sommari sono di grande Rilevanza:
= il continente africano comprende 53 Stati,
= gode di un tasso annuale di crescita del 2,3 % (forse il più alto del mondo),
= l’economia generale è in aumento del 6,7 %,
= riceve grandi investimenti dalla Cina-Brasile-Russia e India,
= si prevede generalmente un grande aumento del PIL,
= il territorio comprende grandi deserti e savane, ma anche florida vegetazione e grandi laghi-fiumi e miniere,
= la popolazione raggiunge il miliardo.

 

A completamento del quadro generale aggiungiamo un’eloquente cartina del continente africano. Da un rapido esame dei sommari dati elencati viene spontaneo domandarsi: ma, data la sua vastità, le grandi e svariate possibilità fornite dalla natura, è giustificabile che vi siano ancora imponenti flussi di persone che rischiano perigliose e costose peregrinazioni per raggiungere quel minuscolo Paese che è l’Italia, già in difficoltà per propri problemi? La sproporzione fra il continente africano e il nostro Paese è cosi grande ed evidente da farci sorgere il dubbio che vi siano ancora forze politiche, italiane ed europee (oscure, ma non tanto) operanti per provocare e sostenere questa continua immigrazione assolutamente ingiustificabile proveniente dall’Africa (ma anche dal Medio Oriente ed Europa dell’Est.)

 

Persistono ancora volontà politiche che si illudono di poter comperare voti elettorali dagli immigrati, a spese dei cittadini italiani ? Non si sono ancora resi conto che gli stranieri ormai installati nel nostro Paese, una volta ottenuta la possibilità di votare costituiranno i LORO PARTITI POLITICI e con la forza del numero metteranno in difficoltà i nostri tradizionali Partiti ?
Possibile che chi ha provocato l’artificioso e infame fenomeno dell’invasione clandestina straniera, non si sia ancora accorto che l’Italia è ormai prossima al collasso sotto questa pressione etnica ?

 

La Martinella.

 

PS: A proposito di quanto esposto, desideriamo molto conoscere il pensiero dei lettori. Il blog Voci Del Nord è a loro disposizione.
africa italia

2 Commenti a “L’Africa e l’Italia”

  • lombardi-cerri:

    Sono presenti due distinti filoni di “pensiero” ( pensiero si fa per dire)

    1.-Quello di coloro che per essere “a la page” tifano per i “derelitti, classificati dalla stampa come tali.
    Da questo elenco ,, ottenuto attraverso ghiotti finanziamenti ricevuti a mo’ di pubblicità da onlus, ong e quant’altro, sono evidentemente esclusi i poveri nostrani, perchè non fanno notizia e non producono guadagni.
    I “tifosi” ( citati all’inizio del paragrafo) non rischiano nulla , hanno argomento di conversazioni da salotto alla fine delle quali tutto resta come prima e , in compenso appaiano come informati progressisti.
    Esempio chiarissimo è rappresentato dalla Presidente della Camera, la quale, dall’alto dei suoi ricchi averi punta esclusivamente al fare carriera , ben al disopra dei suoi meriti, considerando i “poveri” come un qualsiasi, purchè comodo, gradino .
    2.- La categoria dei marxisti attivisti , perchè hanno la solida convinzione (poveretti) che i “derelitti”, una volta conquistato il potere seguiranno supinamente la volontà dei suddetti attivisti.

    Ho già avuto occasione di scrivere che (e confermo la mia convinzione) che la situazione italiana (unica al mondo) è il frutto della convergenza ( e permanenza ) di tre filosofie negative : la marxista, la meridionale e la cattolica -romana, la cui miscela è addirittra esplosiva

  • Pedante:

    https://www.youtube.com/watch?v=Bs_qqfxdTTY
    https://www.youtube.com/watch?v=tpVF0FRxcZ0

    Certo che i politici se ne rendono conto. Trenta denari sono più che sufficienti.

Lascia un Commento

VOCI DEL NORD ospiterà gratuitamente suggerimenti e scritti d'interesse generale inviati dai visitatori, i quali ne assumeranno l'esclusiva responsabilità ad ogni effetto di legge.

La Redazione

Categorie
Count per Day
  • 102485Totale visitatori:
  • 3Oggi:
  • 42Ieri:
  • 230La scorsa settimana:
  • 783Visitatori per mese: