L’Islam e il Mediterraneo

di Federico Caravita

In Italia continua l’immigrazione selvaggia, agevolata dai confini spalancati e con l’appoggio traditore dei cattocomunismi – in special modo dei cattolici, forti delle loro quinte colonne insediate in Parlamento e nelle Amministrazioni locali (Comuni e Regioni).


Non desideriamo accusare nessuno, ma personaggi come Casini – Riccardi – Maria Grazia Guidi – Pisapia – Don Colmegna e così via… probabilmente potrebbero fornire qualche informazione sul tema citato.
Oppure ci sbagliamo? Mah!


A causa di questa incredibile situazione, l’invasione straniera continua indisturbata e addirittura favorita. Fra l’altro, all’orizzonte europeo si fa sempre più minacciosa la pressione dell’Islam fondamentalista (fratelli musulmani) e ciò significa che la “primavera araba” si espande allegramente e che fra poco il bacino del mediterraneo sarà completamente musulmano, ricostituendo di fatto lo scomparso Impero Ottomano.


A quel punto l’Europa sarà finalmente costretta a prendere una decisione:
O REAGIRE CON LA FORZA, O SUBIRE L’INVASIONE E L’ISLAMIZZAZIONE INTEGRALE!


Osservando di che pastafrolla son fatti gli Uomini (e le donne) di Stato Europei e i Papi contemporanei, non c’è affatto da ben sperare.
L’avvenire dei nostri figli e nipoti si annuncia terribile di fronte alla fanatica intransigenza e la ferocia di quella religione e di certe loro organizzazioni (Al Qaeda).


I cristiani verranno martirizzati? Sapranno difendersi?


Purtroppo non c’è molto da sperare.


Lascia un Commento

VOCI DEL NORD ospiterà gratuitamente suggerimenti e scritti d'interesse generale inviati dai visitatori, i quali ne assumeranno l'esclusiva responsabilità ad ogni effetto di legge.

La Redazione

Categorie
Count per Day
  • 110697Totale visitatori:
  • 9Oggi:
  • 26Ieri:
  • 207La scorsa settimana:
  • 507Visitatori per mese: