OSSERVAZIONI

di La Martinella


CULTURA E TV


Nei telegiornali di Rete4 e di Canale5, dopo le solite notizie e qualche servizio speciale, osserviamo che, immancabilmente, ci vengono impartite le ultimissime novità sentimentali delle bellone internazionali del momento (tipo la Belen, la Canali, ecc.), con un ricco bollettino delle loro separazioni e dei nuovi fidanzati del momento.
Questa è la cultura e l’alto stile delle televisioni nazionali. Che nausea!

 



ANCHE I BAMBINI


Oramai anche i bambini hanno capito la “tecnica” o il “sistema” in uso dei media sinistrorsi : se qualcuno si azzarda a parlare – scrivere o denunciare un qualunque personaggio della sinistra, ecco che scatta una certa magistratura e il Registro Degli Indagati entra in azione.
Sappiamo tutti che “l’indagato” alla fine (dopo 10/15 anni) riuscirà a dimostrare la propria assoluta innocenza, ma nel frattempo sarà stato costretto ad impegnare tempo, denaro, energie per difendere il suo nome o la sua azienda, la cui immagine verrà inesorabilmente distrutta.
Ecco che il gioco è fatto! Nessuno si azzardi a parlare contro la sinistra o contro ad un sinistrorso, altrimenti verrà “indagato” e distrutto.
Caro lettore,ti vengono alla mente nomi di vittime del sistema sinistrorso? A noi si e molti!

 



ITALIA DIVORATA


L’Italia sta tornando in mano agli stranieri come nel 1800!
Grasse banche, supermercati, grandi aziende e persino il Teatro alla Scala di Milano, sono state cedute agli stranieri (francesi soprattutto).
Ma il popolo italiano deve proprio essere sempre dominato da stranieri?

 



CIECHI CHE VEDONO


Ma è mai possibile che di quando in quando ci venga strombazzata la notizia che è stato individuato UN invalido cieco assoluto, che invece passeggia tranquillo per le vie della città, oppure UN altro invalido che necessita di un accompagnatore ma sta benone. Tutti individuati dopo lunghissime indagini, pedinazioni e riprese filmate costosissime?
Cosa significa tutto questo? Cosa ci si vuole dimostrare? È notorio che in Italia le false pensioni sono alcune migliaia. E dunque, perché non si impone a tutti gli invalidi che godono di pensioni particolari, l’obbligo di sottoporsi ad una visita di controllo da parte di un’apposita commissione medica, magari militare?
Non occorrerebbero anni di indagini, ma pochi mesi e il problema nazionale verrebbe chiarito.
Cosa si nasconde sotto questa strana condotta? Forse c’è lo zampino dell’INPS?
Attendiamo delucidazioni.

 


Lascia un Commento

VOCI DEL NORD ospiterà gratuitamente suggerimenti e scritti d'interesse generale inviati dai visitatori, i quali ne assumeranno l'esclusiva responsabilità ad ogni effetto di legge.

La Redazione

Categorie
Count per Day
  • 105351Totale visitatori:
  • 18Oggi:
  • 24Ieri:
  • 212La scorsa settimana:
  • 664Visitatori per mese: