Archivio di aprile 2015

LUPI

 

G.L. Lombardi-Cerri

 

Non sono certo io a fare da avvocato difensore di Lupi. Non mi è particolarmente antipatico, come ad esempio Renzi, ma non lo stimo. Come succede , d’altra parte, con la maggioranza dei parlamentari, da me e, sopratutto dai fatti, giudicati incapaci. Però quanto è avvenuto, nei confronti di Maurizio Lupi mi preoccupa. Mi preoccupa perché politici e organi di stampa lo hanno ferocemente attaccato per tre motivi:
-lo hanno attaccato perché avrebbe raccomandato suo figlio per un posto di lavoro. Il figlio e’ laureato al Politecnico di Milano e non in una università di terz’ordine con il massimo dei voti. E allora ? Mi si citi un padre che non abbia cercato di aiutare il figlio a trovare un posto di lavoro.
-lo hanno attaccato perché il figlio , alla festa di laurea avrebbe ricevuto in regalo un Rolex che all’inizio, per gli indipendenti giornalisti era d’oro e poi , molto sommessamente, quasi mormorando , è diventato d’acciaio. Leggi il resto di questo articolo »

Violenze sessuali su donne e bimbe yazide

 

Baghdad Ci sono anche bambine di 8 anni tra le vittime di violenze sessuali compiute dai jihadisti dell’ISIS su donne della comunità yazida in Iraq. È quanto emerge da testimonianze raccolte da Human Rights Watch (HRW) da 20 ex schiave sessuali riuscite a fuggire o liberate, tra le quali figurano anche due dodicenni. Una di loro ha detto di essere stata violentata da quattro uomini e di essere stata più volte venduta o offerta come «regalo». Il rapporto dell’organizzazione per i diritti umani basata negli USA segue di alcuni giorni la terribile storia pubblicata dal giornale Toronto Star su una bambina di 9 anni rimasta incinta dopo essere stata stuprata da dieci uomini. Grazie all’intervento di una ONG curda la piccola è stata portata in Germania per essere curata, ma la sua vita potrebbe essere messa in pericolo dal parto. Leggi il resto di questo articolo »

Follia accogliere chi andrebbe espulso

19-1

CLICCA PER INGRANDIRE L’ARTICOLO

 

I nostri agenti allo sbaraglio: disarmati contro i terroristi

Magdi Allam da “Il Giornale del 12/04/2015”

“ EVIDENZIAMO, ANCHE IN BACHECA, UN ARTICOLO DEL 12 APRILE 2015 – APPARSO SU “IL GIORNALE” – A FIRMA DI CRISTIANO MAGDI ALLAM, IL QUALE COMPIE UNA CORAGGIOSA E SPIETATA ANALISI DELLA SITUAZIONE ITALIANA IN FATTO DI SICUREZZA PUBBLICA E DI CAPACITA’ DI DIFESA IN CASO DI PERICOLO NAZIONALE. UNA SITUAZIONE VERAMENTE DEMORALIZZANTE, CHE CI RICORDA QUELLA DELL’EPOCA FASCISTA QUANDO SI VOLEVA FARE LA GUERRA AL MONDO E NON AVEVAMO NEMMENO LE SCARPE PER I NOSTRI SVENTURATI SOLDATI INVIATI SUL FRONTE RUSSO. CI ASTENIAMO DA ULTERIORI TRISTI CONSIDERAZIONI, MA SIAMO CERTI CHE GLI ITALIANI SI SIANO ORMAI RESI CONTO DELLA DRAMMATICITA’ DELL’ATTUALE CONDIZIONE DEL NOSTRO PAESE, GESTITO DA UNA BANDA DI SPROVVEDUTI, AFFAMATI DI POLTRONE, DENARO E DI NULL’ALTRO CAPACI.” F.C.

Un ipotetico ma possibilissimo scontro tra un agente delle Forze dell’ordine italiano e un terrorista islamico ci vedrebbe sicuramente perdenti. A difenderci sarebbe un uomo che in media ha 45 anni, non ha una specifica preparazione nelle tecniche di tiro con la pistola, di tiro sotto stress, di tiro notturno con uso di torce, non è stato addestrato a sparare con un bersaglio in movimento, è carente nella formazione relativa alla difesa personale e nelle tecniche di movimento, forse dispone di un giubbotto anti-proiettile ma di una versione scaduta, così come non ha mai svolto lezioni di guida operativa che risulterebbe comunque ardua disponendo di un parco macchine che in media hanno 200mila chilometri e un terzo sono in riparazione perenne.

Leggi il resto di questo articolo »

Tweet-Blog – marzo 2015

Selezione dei tweet più significativi di Marzo 2015

Leggi il resto di questo articolo »

ARMI

 

G.L. Lombardi-Cerri

 

Seguitano , a stretto periodo e su tutti i mezzi di comunicazione, a venire in ballo le armi. Chi blatera di più sono , nella maggior parte dei casi, quelli che se vi vedono puntare un dito vi rimproverano aspramente perché “non si sa mai, anche un dito è pericoloso, potrebbe essere carico” E sono quelli che si sciacquano la bocca con il peace keeping, fatto , naturalmente , armati sino ai denti ma con regole di ingaggio che possono essere sintetizzate così : “cinque secondi prima di essere ucciso puoi reagire con ogni mezzo difensivo e con proiettili (dico io ) accuratamente disinfettati “. Il peace keeping, secondo i pacifisti italiani si basa , soprattutto, sul far vedere i “muscoli” solo dove i suddetti muscoli non servono. Leggi il resto di questo articolo »

Atei o credenti, tutti bersagli. E’ guerra contro l’Occidente.

art

CLICCA SULL’ARTICOLO PER VEDERE INGRANDIMENTO

 

Che errore togliere le indagini a polizia e carabinieri

CLICCA SULL'ARTICOLO PER INGRANDIRE

CLICCA SULL’ARTICOLO PER INGRANDIRE

Articolo importante di Alessandro Sallusti

 

“Proponiamo un articolo apparso sul quotidiano IL GIORNALE IL 27 marzo 2015 e firmato dal Direttore ALESSANDRO SALLUSTI”

 

CLICCA SULL'ARTICOLO PER INGRANDIRE

CLICCA SULL’ARTICOLO PER INGRANDIRE

Articolo importante di Magdi Allam

CLICCA SULL'ARTICOLO PER INGRANDIRE

CLICCA SULL’ARTICOLO PER INGRANDIRE

VOCI DEL NORD ospiterà gratuitamente suggerimenti e scritti d'interesse generale inviati dai visitatori, i quali ne assumeranno l'esclusiva responsabilità ad ogni effetto di legge.

La Redazione

Categorie
Count per Day
  • 102440Totale visitatori:
  • 28Oggi:
  • 31Ieri:
  • 263La scorsa settimana:
  • 738Visitatori per mese: