Archivio di marzo 2015

I tagliagole sono già qui, la guerra non serve

 

Vittorio Feltri

 

“Evidenziamo un articolo di Vittorio Feltri, apparso il 20 marzo su IL GIORNALE: breve, ma molto chiaro nell’esaminare la pressione esercitata dall’ISIS contro l’Italia, paese ormai sulla strada della distruzione e della sottomissione del suo popolo al truce dominio dei nuovi barbari.” F.C. Leggi il resto di questo articolo »

ISLAM e CHIESA ( seconda parte )

 

G.L. Lombardi-Cerri

 

Quale è l’atteggiamento della Chiesa cattolica nei rapporti con l’islamismo ? Alternativamente dubbio e oscillante verso l’islamismo. E non se ne capisce il perché. Che la chiesa cattolica debba cercare di andare d’accordo, se non addirittura unirsi alle altre chiese cristiane ( protestantesimo e ortodossi) è fuori discussione . Anzi non si capisce proprio perché questa unione non sia stata fatta già da qualche decennio. Probabilmente perché Roma, more solito, non accetta la parità di comando con gli altri. f Non è un caso che abbia dovuto subire ben tre scismi. Ma quello che non si capisce è la non volontà di collaborazione con altre religioni “pacifiche”, come , ad esempio con il buddismo, e l’ebraismo. Con gli islamici, al contrario, che non accettano nessun tipo di accordo se non quello di convertirsi all’islamismo, Roma continua a tentare di “morosare”. Leggi il resto di questo articolo »

Parola del Corano: l’Islam ci vuole re-invadere

art

CLICCA PER VEDERE L’INGRANDIMENTO DELL’ARTICOLO

 

Tweet-Blog – febbraio 2015

Selezione dei tweet più significativi di Febbraio 2015

Leggi il resto di questo articolo »

Un consiglio ad Alfano: legga con noi il Corano

 

Magdi Allam

 

“” Proponiamo un articolo tratto da “ il giornale “ a firma del grande Magdi Cristiano Allam, che avevamo proposto come candidato alla Presidenza della RepUbblica, ma che – al minimo – dovrebbero nominare Ministro degli interni, in vece di certe persone !!! “” F.C.

Leggi il resto di questo articolo »

Via libera al divieto del burqa

 

Come sempre la svizzera ci insegna: ecco una notizia apparsa sul Corriere Del Ticino del 5 marzo 2015. F.C. Leggi il resto di questo articolo »

GIÙ LE MANI DALLO STATO !

 

Federico Caravita

 

La gente italiana è esasperata; non ne può più dello Stato padrone, estorsore e ladro. Gli italiani vogliono un nuovo Stato , gestito da uno o due partiti, che rinuncino al potere rapace e si limitino ad amministrare con estrema onestà e trasparenza le cose pubbliche, lasciando all’iniziativa privata la creazione di lavoro e ricchezza . Basta con i professionisti cacciatori di poltrone – di potere – di loschi affari derivanti dalle troppe oscure possibilità *e ingerenze di questo Stato. Tutto ciò che è pubblica amministrazione è facile preda della corruzione e della scarsa produttività lavorativa e pertanto deve essere combattuta. I vari sognatori sinistroidi, pronipoti di Carlo Marx, si devono rassegnare, perché solo un vero liberalismo scatena le energie creative dei popoli portandoli al benessere. Ogni diverso fantasioso teorema crea solamente Stati dittatori assoluti – ferocemente fiscali – e non portano altro che miseria e fame !

 

ISLAM

 

G.L. Lombardi-Cerri

 

Siamo davanti ad una nuova invasione islamica ( la quarta nell’arco di oltre 1400 anni), potente e subdola , che trova nella vigliaccheria europea e nella super vigliaccheria italiana un aiuto insperato. Oggi, piuttosto che prendere provvedimenti che blocchino l’invasione, si preferisce fare una serie di distinguo tra islamici buoni ed islamici cattivi, si preferisce minimizzare il fenomeno e , infine si filosofeggia sui vantaggi ( quali ?) degli “incroci di civiltà”. Si sono sentite e si sentono stupidaggini di tutti i generi, ma una delle più colossali è stata tirata fuori, e subito abbracciata dall’Italia sinistrorsa e radicai chic, è quella tirata fuori dagli islamici : le loro azioni sono una giustificata reazione alle Crociate (sic !) Come se la Germania volesse invadere gli USA a causa dell’intervento americano durante l’ultima guerra. Questa dimostra l’ignoranza anche storica che aleggia in questo misero paese. Leggi il resto di questo articolo »

IL COMMENTO – L’Europa dimostri finalmente quello che vale

 

“VEDIAMO CHE QUALCUNO PIU’ INFORMATO ED AUTOREVOLE DI NOI LA PENSA ESATTAMENTE COME NOI E CERTAMENTE COME LA MAGGIOR PARTE DEGLI ITALIANI. PROPONIAMO UN ARTICOLO TRATTO DAL CORRIERE DEL TICINO DEL 28 FEBBRAIO 2015 E FIRMATO DA BERNARDINO LEON – INVIATO SPECIALE DELL’ O.N.U. IN LIBIA. Buona lettura – F. C.“

 

Con Washington sempre più lontana dalle questioni africane e mediorientali, e con il sostanziale stallo, almeno per il momento, dell’ONU, la crisi libica è e resta un problema mediterraneo e quindi europeo. Per troppo tempo si è pensato che l’UE nel suo complesso fosse prevalentemente a trazione continentale e che quindi fossero considerate prioritarie le sole politiche settentrionali. Ma la storia si è incaricata di rimuovere questa contraddizione, dimostrando che per ragioni strutturali e congiunturali insieme, questo bacino è da considerarsi una priorità strategica per l’intera Unione europea. Non esiste solo la crisi ucraina, purtroppo. Basta pensare alla dimensione del rischio energetico, per comprendere cosa succederebbe se davvero i miliziani mettessero le mani sul Greenstream, il gasdotto che da Wafa arriva a Gela in Sicilia convogliando un flusso energetico vitale per l’economia italiana, e non solo. Leggi il resto di questo articolo »
VOCI DEL NORD ospiterà gratuitamente suggerimenti e scritti d'interesse generale inviati dai visitatori, i quali ne assumeranno l'esclusiva responsabilità ad ogni effetto di legge.

La Redazione

Categorie
Count per Day
  • 104236Totale visitatori:
  • 19Oggi:
  • 20Ieri:
  • 184La scorsa settimana:
  • 417Visitatori per mese: